skip to Main Content

I fondamenti della preghiera interiore /Parte 1/

Guarda questo video su: https://marija-mierinas.wistia.com/medias/drwjhltcwc  
https://rumble.com/v4q657e-i-fondamenti.html   
https://cos.tv/videos/play/52144352921424896   
https://youtu.be/ZJJf9x3P7VU   

Nella preghiera interiore è necessario prendere coscienza delle verità essenziali che riguardano individualmente ogni persona, cioè la morte, il giudizio di Dio e l’eternità. La contemplazione cristiana si è tradizionalmente concentrata su due ambiti. Il primo ambito sono le cose ultime (Novissimi) dell’uomo, il secondo è la sofferenza di Cristo e la Sua morte. Torniamo a queste fonti spirituali anche adesso.

Principi di preghiera interiore

Importante è la posizione di preghiera: mettersi in ginocchio o stare in piedi con le braccia alzate.

All’inizio e per un certo periodo, l’espressione ad alta voce ci aiuta a focalizzare la nostra attenzione. Le Scritture dicono: “Lo Spirito stesso intercede per noi con gemiti inespressi” (Rm 8,26). La preghiera in lingue è solitamente semplificata qui in parole di due sillabe. Molti hanno esperienza con le parole “mana” o “bara”. Si possono usare anche altre parole bisillabe, ma bisogna fare attenzione che alcune di esse non si riferiscano a un mantra pagano, cioè al nome di un demone. La parola “mana” è menzionata in Es 16,31 e “bara” significa “creare” (Gen 1,1). Gesù si definisce “il pane spirituale”, la manna di Dio. Ma qui non si tratta del significato delle parole; In sostanza non è altro che una semplice manifestazione sonora portante che ci dispone alla preghiera interiore. Il Salmo 27 e altri menzionano questo grido del nostro spirito: “Ascolta, Signore, la mia voce e rispondimi”.

Per quanto riguarda gli ordini contemplativi, è utile dedicarsi a questa preghiera interiore da tre a cinque ore al giorno. È possibile saltarla un giorno alla settimana.

Se pregano donne ferventi, pensionate o terziarie, seguono un programma di preghiera stabilito secondo le loro capacità e possibilità.

Per quanto riguarda le comunità sacerdotali che dedicano il lunedì e parte del martedì alla preghiera e alla Parola di Dio, è consigliabile pregare in questo modo per almeno tre ore in quel giorno. La quarta ora può essere dedicata alla recita del breviario (liturgia delle ore) o del rosario.

Le parole motivazionali introduttive alla preghiera sono adatte ai principianti; Successivamente basterà introdurre solo brevemente la parte successiva.

Quando si prega è raccomandabile avere a portata di mano un orologio, un quaderno e una Bibbia.

La prima parte della preghiera interiore è una meditazione sui Novissimi dell’uomo. Nella seconda parte ci concentriamo sulla croce di Cristo e sulla Sua morte redentrice. La prima contemplazione dura 20 minuti. Iniziamo con la parola motivante.

Parole di motivazione per la prima parte:

La Parola di Dio dice: “Vi siete avvicinati… alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste e alle miriadi di angeli, all’assemblea universale e alla chiesa dei primogeniti che sono scritti nei cieli, a Dio, il giudice di tutti…” (Eb 12,22ss).

Diventa consapevole della realtà della morte che ti attende. Gesù dice: “Siate preparati, perché non sapete né il giorno né l’ora”.

La seconda verità: il giudizio di Dio. Gesù dice: “Non c’è nulla di nascosto che non sia manifestato. Renderai conto di ogni parola oziosa”.

La terza verità: cielo eterno, inferno eterno. Entrambi sono eterni. Decidiamo in tempo come sarà la nostra eternità.

La quarta verità: la misericordia di Dio dura solo durante la vita terrena e richiede il pentimento: “Se camminiamo nella luce, il sangue di Cristo ci purifica da ogni peccato”.

Ora riponi i tuoi peccati sotto la croce di Cristo e chiedi perdono. Guarda con fede le ferite di Cristo, nei Suoi occhi, e ricevi il perdono.

Poi segue la preghiera propria in cui rifletti su queste quattro verità.

Nella parte successiva della preghiera – a differenza della prima parte, che era più una contemplazione libera – ci concentriamo intensamente sulla Parola di Dio. Il suo inizio può essere paragonato al lancio di un razzo a tre stadi. Richiede un’enorme quantità di energia per decollare e superare la forza di gravità. Senza abnegazione interiore ed esteriore, non possiamo liberarci dalla gravità del nostro egocentrismo e vanità. Entrare alla presenza di Dio e poi dimorare nella Sua parola richiede di raccogliere tutte le nostre forze fin dall’inizio.

Parole di motivazione per la parte successiva (Rm 6,6)

“Sappiamo che il nostro vecchio uomo fu crocifisso con lui (con Cristo) affinché il corpo del peccato fosse annullato…” La lettera delle Scritture deve essere accolta nello Spirito di verità e applicata nello stesso Spirito. La parola “concrocifisso” (in greco synestaurothé) all’aoristo significa che un evento accaduto nel passato continua nel presente. Perciò possiamo dire: “era ed è crocifisso”. Ma da parte nostra, il verbo “è”, che esprime una realtà presente, richiede una fede che ci unisce nel presente a Gesù e a ciò che Egli ha fatto per noi. Questa è una cooperazione di fede da parte nostra. Riceviamo per fede e poi rimaniamo in questa realtà e teniamo conto di essa nella nostra vita. Questa è la fede biblica e salvifica. Ora cerca di rimanere intensamente nella realtà di questa parola e, quindi, alla presenza di Dio per un quarto d’ora. Concentrati sul cosiddetto momento presente, che è elemento di unione spirituale nella preghiera interiore; È una specie di fermata del tempo. Immagina di essere aggrappato alla croce o addirittura appeso con le mani inchiodate ai piedi di Gesù. L’intero globo, impregnato delle metastasi spirituali del male, del peccato originale, è appeso ai tuoi piedi. Questa metastasi è presente in ogni anima umana. Ma ora tutto questo sistema del male è collegato attraverso te alla croce di Cristo; Questo vecchio uomo è ora paralizzato, crocifisso, cioè “il corpo del peccato è annullato” (Rm 6,6b). Tutte le anime umane sono permeate dallo stesso vecchio uomo, che è il corpo del peccato. Sospeso sul globo, vedi un abisso oscuro sotto. Ora tieni il vecchio uomo inchiodato alla croce per fede. È in te ed è in tutte le persone. La Sacra Scrittura indica: “il nostro vecchio uomo”; “sappiamo che il nostro vecchio uomo” – non solo il mio vecchio uomo, ma il nostro vecchio uomo“fu crocifisso con Cristo”. Concentrandoti sulle parole “con Lui”, guarda di tanto in tanto il volto di Gesù, sapendo che ora sei in unione spirituale con Lui, che ora sei insieme a Lui. Aggrappati a questo per fede e non lasciarlo andare. Non lasciare che ti distragga nessun pensiero o sogni ad occhi aperti; rimani semplicemente nella parola di Dio.

Senti una certa pressione del male proveniente dal vecchio uomo che ti tira giù. In quel momento puoi ripetere nel tuo pensiero: “Non lascerò andare!”, e poi ancora: “insieme con Lui” (crocifisso). In questo modo, non solo il mio vecchio uomo, ma il nostro vecchio uomo è paralizzato in questo momento, sia in me che in (tutti) voi. Questa è la tua missione. Puoi pensare ai diversi continenti: ora il vecchio uomo è paralizzato, ora, in questo momento, il sistema del male non può funzionare.

Questo quarto d’ora è una lotta spirituale per la vigilanza in unione con Gesù. Non permettere nessun pensiero che distragga; Mantieni semplicemente la tua mente concentrata sulla parola “insieme, insieme” (con Lui). L’infezione spirituale, o il vecchio uomo, è una; È un’infezione del diavolo. Oggi può essere paragonato a un vaccino spirituale genetico dannoso. Questo avvelenamento spirituale è dentro di noi, anche se non ce ne rendiamo conto. Ma vediamo i suoi frutti negativi: ogni male e, in definitiva, la morte fisica. Tuttavia, nel momento stesso in cui ti unisci spiritualmente mediante la fede alla croce di Cristo, paralizzi questa potenza del male. Gesù ha già paralizzato il vecchio uomo sul Calvario. Il nostro vecchio uomo fu crocifisso con Cristo, come testimonia la Sacra Scrittura. Quindi Gesù non fu crocifisso da solo. Fisicamente lo era, è vero, ma spiritualmente fu crocifisso con il vecchio uomo. In questo momento sei unito a Gesù e sei allo stesso tempo rappresentante dei peccatori. Agisci anche nel loro nome, che gli piaccia o no, che lo sappiano o no. Poiché il vecchio uomo anche è dentro di te, ora hai il diritto di tenerlo inchiodato alla croce. Quando lo tieni inchiodato alla croce, non è separato dagli altri, ma unito con loro; Formano un tutto, è un intero meccanismo, un’intera rete. Attraverso la fede nella parola di Dio, sai anche che il nostro, il nostro vecchio uomo, è ora crocifisso con Cristo attraverso di te. Era ed è! Questa è una fede che si estende dal tempo all’eternità.

È stato un intenso quarto d’ora di crocifissione con Cristo. Sappiamo che questo mistero della fede agisce nell’ambito spirituale. Quando sei unito con Gesù crocifisso, Egli paralizza tutto l’organismo oscuro del vecchio uomo in tutte le anime. In quel preciso momento, la grazia di Dio opera in queste anime. Molti ricevono la luce per convertirsi, altri tentati di commettere il male rimangono paralizzati, i moribondi ricevono la grazia della salvezza.

Passiamo ora alla verità espressa nei seguenti versetti biblici: “Gesù, vedendo sua madre e presso di lei il discepolo…, disse a sua madre: ‘Donna, ecco tuo figlio!’ Poi disse al discepolo: ‘Ecco tua madre!’ E da quell’ ora il discepolo l’accolse in sé (in greco: eis ta idia)”.

Rimaniamo in questa verità per altri 15 minuti, sperimentando il trapianto spirituale di un cuore nuovo.

Prova a percepire e vivere le seguenti parole: Gesù vide il discepolo; Ora mi vede come suo discepolo. Gesù parla al discepolo; ora parla a me. Puoi guardarlo negli occhi in spirito e ora compi il Suo testamento con la stessa fede e dedizione del discepolo Giovanni presso la croce. “Il discepolo l’accolse in sé”, in greco “eis ta idia”, in latino “in sua”, cioè nel profondo del suo essere. Come ha accolto in sé la Madre di Gesù? Per fede.

La Madre di Dio ha detto a Fatima: “Alla fine, il mio Cuore Immacolato trionferà”.

Questi 15 minuti non richiedono tanta concentrazione; l’atto di accogliere in noi la Madre di Gesù e le parole ad esso legate possono essere vissuti più liberamente.

Quando accogliamo spiritualmente la Madre di Gesù nel nostro cuore, ci rendiamo conto che Ella è la nuova Gerusalemme, ovvero il tabernacolo vivente di Dio, dove Dio si incontra con gli uomini (cfr. Ap 21,2-3). La nuova Gerusalemme è simboleggiata da un quadrato (Ap 21,16).

Chiediamo: Come è la nostra prima madre Eva e il suo codice genetico spirituale del male presente in noi umani? Non possiamo vederlo, ma sperimentiamo ogni giorno i frutti di questo male ereditato. Attraverso il peccato Eva, la madre del genere umano, ha ricevuto l’infezione del diavolo, il veleno del serpente infernale, cioè l’orgoglio e l’emancipazione da Dio, ovvero l’egocentrismo. La Madre di Gesù è la donna nuova che, invece, schiaccia la testa del diavolo (Gen 3,15). Lei è la nuova Madre, la Madre del primogenito, cioè Gesù, e dei secondogeniti, che hanno ricevuto Gesù. Maria, Madre di Gesù e Madre nostra, è piena di grazia: kecharitoméne (Lc 1,28). Sappiamo che l’essenza del peccato originale consiste nella privazione della grazia, e proprio a causa della prima donna Eva noi ne siamo stati privati. Il fatto che Maria sia piena di grazia significa, di conseguenza, che Ella è tutta immacolata, senza la macchia del peccato che ci è stato trasmesso dalla prima madre, Eva.

Finalmente puoi rendersi conto: ho accolto la Madre di Gesù. Ho un cuore nuovo.

Possiamo dedicare gli ultimi cinque minuti di quest’ora alla condivisione della testimonianza.

Queste due verità: la crocifissione (15 minuti) e l’accoglienza della Madre di Gesù (15 minuti) ci predispongono a ricevere le altre quattro verità che sono legate alle ultime quattro parole dalla croce. Ne parleremo nella seconda parte, nell’introduzione al mistero della morte di Cristo. La Sacra Scrittura dice: “Non sapete che mediante il battesimo siamo stati immersi nella morte di Cristo?” (cfr. Rm 6,3 ss.)

 

Scaricare: PCB: I fondamenti della preghiera interiore /Parte 1/

 

 

Back To Top