skip to Main Content

Quaresima 2024 – tempo di penitenza: rinunciate a Fiducia supplicans! (Lettera pastorale)

Guarda questo video su: https://maria-mun-hugga.wistia.com/medias/fmpvhnseur  
https://rumble.com/v4kevj0-quaresima-2024.html   
https://ugetube.com/watch/hyps5naFu3rPL1c   https://youtu.be/U0H2XVBf0lU  
https://cos.tv/videos/play/51489378831733760   
https://www.bitchute.com/video/H2kcySMOnH0u/   

Il tempo della Quaresima in questo tempo straordinario di grande apostasia è un tempo di pentimento urgente. L’affermazione di Gesù sul pentimento è rilevante per ognuno di noi. “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino. Metanoite – cambiate mentalità – e credete al Vangelo”. (Mc 1,15) “Se non vi convertirete, perirete tutti”. (Lc 13,3)

Di cosa è obbligato a pentirsi ogni credente cattolico, ogni sacerdote, ogni religioso e ogni vescovo? Tutti devono pentirsi dell’apostasia pubblica. L’invalido papa Francesco Bergoglio, attraverso l’eretica Fiducia supplicans, ha trasformato la Chiesa cattolica in un’anti-chiesa New Age. Questo peccato è più grande del peccato di coloro che hanno sacrificato agli idoli pagani, ai demoni, e così sono diventati traditori di Cristo, apostati – traditores. Durante il regno dell’imperatore Decio (249-251) ci fu una dura persecuzione dei cristiani. A Nicomedia (l’odierna İzmit in Turchia) viveva un uomo di nobile lignaggio di nome Codrato. La persecuzione fu iniziata dal proconsole Perennio. Codrato, che era cristiano, fu costretto a sacrificare agli idoli pagani. Lui rispose: “Non mi inchinerò davanti agli idoli morti. Non temo né i demoni né te, che hai solo un potere temporaneo. Presto andrò dal mio Dio e tu gemerai amaramente per sempre perché hai rifiutato di conoscere Dio”. Perennio gli ordinò di essere crudelmente torturato. Prima di ciò, ordinò che fossero portati i cristiani che avevano rinunciato a Cristo mediante il gesto di offrire un sacrificio agli idoli. Avevano il compito di persuadere Codrato a inchinarsi agli idoli. Codrato però approfittò della situazione e, nonostante fosse crudelmente torturato, pronunciò queste parole: “O stolti, perché non avete sofferto un po’? Perché avete avuto paura del tormento? Voi avete rinnegato Cristo! Perché vi siete consegnati al diavolo? Non avete creduto alla risurrezione dei morti? Non avete sentito parlare del giudizio di Dio? Non avete paura del fuoco inestinguibile dell’inferno? E ora, come starete davanti al tribunale di Dio? Ravvedetevi! Pensate da chi vi siete allontanati. Avete abbandonato il Regno eterno dei cieli per amore di questa vita temporanea e senza valore! Avete disprezzato il vostro Sovrano Celeste! … Vi siete fatti schiavi del diavolo! Avete dimenticato le parole del Signore nel Vangelo? Egli ha detto: ‘Non abbiate paura di coloro che uccidono il corpo ma non possono uccidere l’anima’”. (Mt 10,28)

Quando Codrato disse questo, i codardi cristiani cominciarono a gridare ad alta voce: “O servo di Dio, abbiamo avuto paura del tormento e siamo stati sviati come un gregge muto! Volevamo vivere qui ancora per un po’ e rinnegando nostro Signore siamo già morti alla vita eterna che verrà. Cosa faremo adesso, noi dannati peccatori?” Quando il santo martire Codrato li vide piangere, disse: “Fate coraggio, fratelli! Non disperate! Nostro Signore è misericordioso! Cadete ai suoi piedi! Con lacrime e pentimento confessate Gesù Cristo! Egli vi purificherà con il Suo sangue! Voi espierete il vostro tradimento con il vostro sangue”. Piangevano disperatamente e restavano a lungo a faccia in giù. Poi si cosparsero la testa di polvere e si batterono il petto con pietre. Il loro pianto era così forte che tutta la città si radunò, e tutto il popolo rimase sconcertato nel vedere i cristiani pieni di tanta contrizione per la loro apostasia. Perennio ordinò che il santo martire Codrato fosse torturato ancora di più. Condannò questi cristiani penitenti ad essere bruciati, ciascuno nella sua città natale.

Riconosciamo nel pentimento che il peccato di apostasia in cui l’invalido papa Francesco ha indotto in errore i cattolici attraverso la Fiducia supplicans è ancora più grande del tradimento dei traditori che hanno ceduto sotto la minaccia di tortura e di morte e hanno tradito Cristo.

I martiri preferirono sottoporsi alla tortura e alla morte piuttosto che inchinarsi agli idoli. Nel 2019, l’invalido papa Francesco Bergoglio ha partecipato attivamente a un rituale pagano di evocazione dei demoni con streghe e maghi dell’Amazzonia nei giardini vaticani. Ha poi intronizzato pubblicamente il demone Pachamama nella Basilica di San Pietro. Nel 2022 si consacrò pubblicamente al diavolo sotto la guida di uno stregone in Canada. Questo è un peccato pubblico contro il Primo comandamento. È un’apostasia pubblica senza precedenti nella storia della Chiesa. È assolutamente chiaro che quest’uomo non può essere il rappresentante visibile di Cristo sulla terra, ma secondo le Sacre Scritture, la costituzione dogmatica e l’insegnamento dei Dottori e Padri della Chiesa, egli si è scomunicato dalla Chiesa. Questo è l’insegnamento della Sacra Scrittura e della Tradizione.

Che cos’è Fiducia supplicans? È un falso vangelo, un falso insegnamento, che contraddice la Sacra Scrittura, la Tradizione e tutti i Dottori e Padri della Chiesa. È una ribellione pubblica contro Dio e una pubblica apostasia da Cristo e dal Suo vangelo. Approvando e addirittura benedicendo uno dei peccati più gravi, la dichiarazione Fiducia supplicans nega la sostanza del Credo che proclama la verità secondo cui il Figlio di Dio si è fatto uomo per salvarci dal peccato. Una condizione della salvezza è la nostra penitenza. Tuttavia, se il peccato in quanto tale viene negato attraverso la legalizzazione della sodomia, la sofferenza di Cristo per la nostra salvezza è stata vana. Negando e benedicendo un peccato si toglie anche il Decalogo, perché il peccato non si chiama più peccato e non c’è più distinzione tra il bene e il male. Coloro che accettano l’insegnamento della Fiducia supplicans, che introduce la benedizione del peccato di sodomia e la sua legalizzazione, rinunciano pubblicamente a Dio Creatore e a Dio Redentore, e allo stesso tempo abbandonano la propria salvezza, perché tale individuo ha deciso di amare la menzogna e odiare la verità che lo avrebbe salvato. A causa di questo orgoglio diabolico e ribellione, un tale vescovo, sacerdote o credente cattolico ha pronunciato un giudizio di morte eterna su se stesso, e sarà condannato all’inferno nell’ora della sua morte. Hanno commesso il peccato contro lo Spirito Santo (cfr. Mt 12,32).

Dio annuncia nella Lettera ai Galati 1,8-9 che lo pseudo-vangelo, inclusa la Fiducia supplicans, ha attirato sullo pseudo papa Francesco Bergoglio il castigo dell’esclusione dalla salvezza eterna, cioè la dannazione eterna all’inferno. Ha commesso bestemmia contro lo Spirito Santo (cfr. Mt 12,31). Questa punizione ricade anche su tutti coloro che accettano e diffondono questo pseudo-vangelo.

Qual è la via d’uscita? Ne esiste una sola: metanoia – penitenza. Il presupposto è il rifiuto della Fiducia supplicans. Come implementarlo? Ogni vescovo veramente cattolico deve rifiutare decisamente la Fiducia supplicans. Così hanno fatto i vescovi dell’Africa, della Polonia, dell’Ungheria e altri.

Il vescovo diocesano dovrebbe fare questa rinuncia in una lettera pastorale indirizzata alla sua diocesi. I vescovi ausiliari possono farlo in altro modo pubblico. Se poi un tale vescovo riceve un decreto dal papa invalido e dalla sua setta che lo rimuove dall’incarico nella sua diocesi, è obbligato in coscienza davanti a Dio a continuare a rimanere in carica, anche se ha superato i 75 anni. Egli deve, come un buon pastore, proteggere il suo gregge spirituale dall’eresia suicida della Fiducia supplicans. I decreti emanati da uno pseudo papa che si è scomunicato dalla Chiesa sono nulli, inefficaci e senza valore. Questo è l’insegnamento della Chiesa basato sulla Scrittura e sulla Tradizione.

Cosa dovrebbe fare un prete cattolico? Dovrebbe uscire dal suo isolamento e formare un collegio sacerdotale con altri veri sacerdoti cattolici per difendere la fede e salvare le anime. Insieme incoraggino il vescovo indeciso a compiere il passo radicale di separarsi dalla Fiducia supplicans. Se un vescovo che promuove Fiducia supplicans tenta di scomunicare i veri preti cattolici, informi sinceramente i suoi fedeli e non se ne vada. I sacerdoti dovrebbero istruire i loro fedeli durante la predica, e alla fine i singoli credenti possono avvicinarsi al sacerdote allo stesso modo di quando vanno alla Santa Comunione. Il sacerdote chiede a ciascuno di loro: “Rinunci alla Fiducia supplicans?” Il credente risponde: “Sì, rinuncio. Amen.” Questa professione di fede e la rinuncia alla Fiducia supplicans viene fatta davanti alle schiere invisibili degli angeli e dei santi, ed è scritta nel libro della vita di ciascuno. Nessuno si salverà attraverso il falso anti-vangelo della Fiducia supplicans e la sua falsa fede. D’altra parte, se un sacerdote, seguace di “Fiducia supplicans”, sostiene pubblicamente questa dichiarazione eretica o intimidisce gli attivisti laici che incoraggiano in privato i fedeli a rinunciare alla dichiarazione suicida, i fedeli dovrebbero separarsi dall’influenza di tale sacerdote. Esiste un serio dubbio che un sacerdote con questo spirito di anticristo non celebri più validamente la santa liturgia. Lo Spirito Santo non opera più attraverso di lui.

Cosa dovrebbero fare i credenti? Se il sacerdote della parrocchia è passivo, che inizino loro stessi una missione per aiutare a salvare le persone dall’impatto della suicida Fiducia supplicans. Possono utilizzare a questo scopo i social network e questa lettera pastorale. I pensionati possono svolgere questa missione in colloqui individuali con i loro conoscenti e spiegare loro personalmente la tragica situazione nella Chiesa dopo la pubblicazione della Fiducia supplicans. Possono far firmare loro un breve modulo di rinuncia predisposto, oppure ciascuno può scriverlo di proprio pugno: “Io, N.N., rinuncio all’antivangelo di Fiducia supplicans. Data ………. firma ……….”

È opportuno che firmino anche due testimoni. L’interessato conserverà il presente modulo di rinuncia. Può essere paragonato ad un passaporto per varcare i confini del regno celeste nell’ora della morte. Una copia di esso si trova nel libro della vita della persona in questione.

Questa missione può essere svolta anche per posta, tramite lettere indirizzate a determinati uomini e donne cattoliche. Coloro che rifiutano di separarsi da Fiducia supplicans difficilmente resisteranno nell’ora della morte. Coloro che derideranno, intimidiranno o minacceranno gli zelanti attivisti missionari chiariscono chi servono. Servono lo spirito della menzogna e della morte. “Hanno amato la menzogna e hanno rifiutato di amare la verità per essere salvati”. (2Ts 2,9-12)

Nella tragica situazione attuale, attraverso la Fiducia supplicans, è stato imposto fraudolentemente ai cattolici un falso vangelo (cfr. Gal 1,8-9), attraverso il quale nessuno sarà salvato. È una ribellione contro Dio e una negazione della Scrittura e della Tradizione. L’unica soluzione è il vero pentimento. Ciò inizia con la rinuncia alla suicida Fiducia supplicans.

A tutti coloro che rimangono fedeli a Cristo,

benedizioni dai Vescovi del PCB

 

11 marzo 2024

 

Per favore, informa almeno una persona di questa lettera pastorale.

 

Scaricare: PCB: Quaresima 2024 – tempo di penitenza: rinunciate a Fiducia supplicans! (Lettera pastorale) (11/3/2024)

 

 

Back To Top