skip to Main Content

PCB: Le quattro eresie fondamentali di Bergoglio

Guarda questo video su:
https://ulestousmine.wistia.com/medias/i9n3xn0oa4 https://youtu.be/ZL58qKabJPo
https://rumble.com/v49pajr-4eresie-bergoglio.html https://ugetube.com/watch/jhQv45KAQt8Em7x
https://cos.tv/videos/play/50293648920711168 https://www.bitchute.com/video/zKnn6wP3CPQn/

Bergoglio ha commesso eresie in quattro ambiti fondamentali.

Il primo ambito è la predicazione della falsa misericordia

Nella Sacra Scrittura, ricevere la misericordia di Dio è sempre legato al pentimento. Ciò è espresso nella parabola del figlio prodigo. La predicazione della falsa misericordia, però, elimina questa condizione per la salvezza, cioè il pentimento. Gesù ci esorta: “Se non vi pentirete, perirete tutti”. (Lc 13,3)

Bergoglio predica le eresie e sfrutta l’usurpata autorità papale per insegnarle pubblicamente. Commette questo crimine consapevolmente e volontariamente. Esige l’imitazione, cioè l’attuazione delle sue eresie. Si sta basando su un sistema di bugie che è molto efficace. Questo perché è composto da verità molto vivide e trasmesse con sensibilità che toccano il cuore.

Ad esempio, spiega che Gesù è misericordioso e clemente, e quindi il diavolo è impotente contro un peccatore pentito. Un peccatore pentito, però, ha anche un sincero desiderio di rompere con il peccato. Ma Bergoglio non lo vuole e non lo permetterà. Ecco perché il termine “pentimento” e altri termini biblici sono solo frasi manipolative nella sua bocca. Allora non il diavolo, ma Gesù, che perdona, è impotente, perché il peccatore non accetta il perdono, lo rifiuta. Questo perché Bergoglio insegna a non considerare il peccato come peccato ma a persistere in esso. Egli soffoca la coscienza dei sodomiti con frasi del tipo “Dio ti ama così come sei, quindi ama te stesso”. Così facendo, impedisce loro di pentirsi per ottenere la salvezza.

Il Catechismo del cardinale Tomášek del 1955 elenca i peccati contro lo Spirito Santo:

Il primo è: l’affidamento presuntuoso alla misericordia di Dio. Bergoglio assicura deliberatamente e unilateralmente i peccatori della misericordia di Dio affinché non si allontanino dal peccato ma abbiano, come dice san Basilio, maggior coraggio nel peccare, perché la verità della dannazione eterna non deve essere proclamata. Bergoglio mantiene i peccatori sulla via della perdizione enfatizzando deliberatamente la misericordia di Dio.

Il secondo peccato contro lo Spirito Santo è elencato nel Catechismo come: impugnare la verità cristiana conosciuta. Bergoglio, tra l’altro, impugna la verità della sodomia, che è chiaramente condannata nelle Sacre Scritture come un peccato gridante verso il cielo che fa scendere il fuoco dal cielo.

Un altro peccato contro lo Spirito Santo elencato nel Catechismo è: l’indurimento del cuore fino alla morte. Introducendo la benedizione delle unioni omosessuali e sottolineando la fedeltà nella relazione peccaminosa che chiama amore, Bergoglio crea le condizioni affinché i peccatori rimangano induriti in questo peccato fino alla morte. Così facendo, Bergoglio non solo commette peccati contro lo Spirito Santo stesso, ma insegna anche agli altri a commetterli e crea le condizioni per questi peccati.

Il secondo ambito in cui Bergoglio ha commesso un’eresia è la legalizzazione dell’omosessualità da parte della Chiesa

Alla domanda sull’omosessualità ha risposto con una controdomanda: “Chi sono io…?” Così facendo ha effettivamente risposto di essere un eretico manifesto. Se fosse cristiano, e ancor più se fosse veramente il papa, sarebbe obbligato a chiamare chiaramente peccato il peccato dell’omosessualità e mostrare al peccatore la necessità del pentimento salvifico. Ma essendo un eretico manifesto, ha perseguito l’obiettivo di eliminare la legge di Dio e legalizzare il peccato.

Attraverso una palese eresia, che ora si è pienamente manifestata nel suo cammino sinodale LGBTQ, si era scomunicato da tempo dalla Chiesa e quindi non può esserne il capo. Questa verità è sottolineata da san Bellarmino e da altri Dottori della Chiesa o Padri della Chiesa, e si fonda sull’essenza stessa degli insegnamenti di Cristo. Durante tutto il tempo in cui occupa la più alta carica, Bergoglio promuove apertamente la sodomia in ogni occasione, con parole, gesti e attività. Non ha permesso ai vescovi degli Stati Uniti di affrontare la questione della sodomia nel 2018 quando glielo hanno chiesto. Ha destituito il cardinale Müller dalla carica di prefetto della Congregazione per la dottrina della fede perché il cardinale si era rifiutato di difendere ingiustamente un omosessuale. Ha licenziato un altro prefetto della Congregazione e il suo segretario perché avevano affermato che la Chiesa non può benedire il peccato dell’omosessualità. Lui stesso ha baciato in modo dimostrativo i piedi di un transessuale come parte del rito del Giovedì Santo. La lavanda dei piedi è associata all’Ultima Cena. Gesù non ha lavato i piedi ai nemici della Chiesa, né alle donne, né ai transessuali, ma ai suoi apostoli scelti. Con questo gesto Bergoglio ha rivelato chi sono i suoi apostoli pro-LGBTQ.

Ha abusato di fatto dell’autorità papale per sanzionare il transessualismo associato al reato di cambio di genere. Inoltre Bergoglio non solo ha lavato i piedi, ma li ha anche baciati, e questo è un atto di latria, cioè di adorazione dovuta solo a Dio. Con questo gesto, ha aperto la porta ai demoni impuri LGBTQ e ha commesso l’idolatria. Usando l’autorità papale, ricevette un altro dio per la Chiesa e poi si fece ostentatamente consacrare a Satana in Canada. Ciò è avvenuto nel 2022, già al tempo del cammino sinodale. Ha così stabilito un modello per tutti i cattolici del cammino di apostasia da Cristo.

Quanto alla purezza morale, ricordiamo le parole di Gesù: “Avete udito che fu detto: ‘Non commettere adulterio’. Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. Se il tuo occhio destro ti è motivo di inciampo, cavalo e gettalo via da te. È meglio per te che un tuo membro perisca, piuttosto che tutto il tuo corpo venga gettato nella Geenna…” (Mt 5,27-29).

Se il comandamento “Non commettere adulterio” va trattato con tale radicalità, cosa possiamo dire della sodomia perversa o dell’intero cammino sinodale LGBTQ? Ricordiamo almeno che la Parola di Dio avverte chiaramente che la punizione per questo peccato è sia il fuoco temporale (2 Pt 2,6) che il fuoco eterno (Gd 1,7).

Le frasi del Sinodo secondo cui lo Spirito Santo ha ora rivelato loro che la sodomia non è più un peccato sono una menzogna diabolica e una bestemmia contro lo Spirito Santo. Questa menzogna non è stata loro rivelata dallo Spirito Santo, ma dallo spirito del diavolo, uno spirito immondo.

Il terzo ambito sono le eresie contro l’Eucaristia

Lo scopo di ricevere il Corpo e il Sangue di Cristo è quello di essere rafforzati nella lotta contro il peccato, non di essere rafforzati nel peccato. Bergoglio comanda che l’Eucaristia sia ricevuta da persone senza confessione, senza pentimento e senza alcuna disponibilità a riconoscere e pentirsi del peccato, cioè le persone LGBTQ. Questo è pubblico incitamento al sacrilegio. La Sacra Scrittura avverte chiaramente che tale persona mangia e beve la condanna verso se stessa (1Cor 11,29).

Inoltre, nel documento finale del Sinodo sull’Amazzonia, Bergoglio introduce i riti pagani e lo spirito pagano direttamente nella liturgia. È un fascio di eresie contro l’Eucaristia. Il cardinale Brandmüller ha detto che queste non sono semplici eresie, ma pura stupidità.

Per imporre la pseudo-pandemia, Bergoglio ha ordinato ai sacerdoti di indossare guanti di gomma quando tengono il Santissimo Sacramento. La promozione dell’ordinazione delle donne come diaconi, e conseguentemente come sacerdoti e vescovi, porta anche alla degradazione del Santissimo Sacramento e del sacramento del sacerdozio.

Il quarto ambito sono i peccati contro il primo comandamento

Oltre alle eresie relative alle verità dogmatiche in ambito di fede, Bergoglio commette anche pubblica idolatria. Partecipò attivamente a un rito pagano nei Giardini Vaticani con maghi e streghe. Poi ha solennemente intronizzato il demone Pachamama nella Basilica di San Pietro. La sua idolatria culminò in una consacrazione pubblica a Satana sotto la guida di uno sciamano in Canada. Queste sono palesi eresie. In questo spirito Bergoglio promuove il dialogo interreligioso, che è anch’esso una palese eresia.

La dichiarazione eretica firmata da Bergoglio ad Abu Dhabi contiene l’eresia secondo cui la pluralità delle religioni è la volontà divina, in altre parole, che il culto pagano dei demoni sarebbe la volontà di Dio. Questo atteggiamento manifestamente eretico distrugge la vera missione e rende i missionari meri operatori culturali e sociali.

Dio punisce l’idolatria fino alla terza e quarta generazione (Dt 5,9). Gli idolatri non avranno alcuna parte nel regno di Dio (1 Cor 6,9; 1 Ti 1,10; Ap 21,8).

Abbiamo evidenziato quattro ambiti fondamentali delle eresie di Bergoglio. È assolutamente chiaro che Bergoglio è un eretico multiplo e manifesto che abusa del papato per promuovere eresie all’interno della Chiesa. L’unica soluzione è che vescovi e preti si separino da lui perché lui e la sua setta non lasceranno volontariamente gli incarichi ecclesiastici occupati. L’ostacolo più grande al passo salvifico, cioè alla separazione dall’eretico, è l’eresia suicida della papolatria!

 

+ Elia

Patriarca del Patriarcato Cattolico Bizantino

+ Metodio OSBMr               + Timoteo OSBMr

Vescovi Segretari

 

11 dicembre 2023

 

Scaricare: PCB: Le quattro eresie fondamentali di Bergoglio (8/12/2023)

 

Back To Top