skip to Main Content

Il PCB: Vero pentimento dei vescovi cattolici

(La bozza della seguente lettera pastorale è stata preparata dai vescovi del PCB)

Guarda questo video su: https://soldat-dieu.wistia.com/medias/n6fy2t7fdo   
https://youtu.be/-CisZYH5d94   https://ugetube.com/watch/ZKA8PPj9KRl2GNI  
https://rumble.com/v3t77tl-vero-pentimento.html   
https://cos.tv/videos/play/48335826351853568   
https://www.bitchute.com/video/BSFvnEE5xGPX/   
https://gloria.tv/post/qyKNkjs818Ws3H346B9Keg4Qh   

Cari sacerdoti, religiosi e fedeli:

noi, i veri vescovi cattolici, siamo obbligati davanti a Dio e davanti a voi, popolo di Dio, ad esprimersi in modo chiaro e veritiero sull’attuale situazione della Chiesa. Come successori degli apostoli, abbiamo la responsabilità, insieme al vero papa, della Chiesa di Cristo. Purtroppo l’attuale papa Francesco Bergoglio non aderisce alla vera fede, ma è un eretico e quindi non è un papa legittimo. Stando così le cose, la responsabilità della Chiesa ricade sul collegio episcopale ortodosso. Da questo collegio apostolico sono esclusi i vescovi di Germania e Belgio, così come qualsiasi vescovo che mantenga l’unità nell’eresia con l’illegittimo papa Bergoglio e il suo cammino sinodale LGBTQ.

Noi, vescovi veramente cattolici, confessiamo il nostro grande peccato davanti a voi, cari sacerdoti e fedeli, e ora facciamo pubblica penitenza. Il nostro peccato è che non ci siamo lasciati guidare dalla parola di Dio, ma siamo stati presi dal panico quando abbiamo pensato che gli eretici avrebbero potuto marchiarci come scismatici se ci fossimo separati dalla sottomissione all’eretico e traditore di Cristo. Questa intimidazione e questa menzogna colossale, alla quale ci siamo aperti, ci hanno spaventato. Questo perché non abbiamo preso sul serio Dio, la cui parola sottopone gli eretici all’anatema, cioè alla maledizione, per un falso vangelo (cfr Gal 1,8-9). Ciò che più contava per noi era coltivare un’immagine di Eccellenze ed Eminenze agli occhi del mondo e di molti falsi cattolici. Non ci importava come Dio ci guarda o come ci staremo davanti a Lui nel giorno del Giudizio. Abbiamo preferito vivere nell’autoinganno. Ci siamo illusi di poter non essere d’accordo con il programma eretico del cammino sinodale LGBTQ del papa illegittimo e allo stesso tempo di obbedirgli e sottometterci. Non ci importava che fosse una sciocchezza. Il nostro autoinganno non richiedeva alcun sacrificio per la fedeltà alla verità. Non ci importava di tradire costantemente Cristo e provocare indignazione.

Confessiamo con pentimento che sono state la nostra incredulità e la nostra paura a spingerci verso questa schizofrenia. Temevamo che se avessimo agito in base alla realtà che un eretico è un eretico, saremmo stati visti come provocatori di una scissione o di un presunto scisma. Ci siamo ingannati credendo che così facendo saremmo stati squalificati davanti al cosiddetto pubblico cattolico. Per mantenere la nostra presunta “buona” reputazione, per non essere considerati come scismatici dagli eretici e dal mondo, abbiamo potuto rinnegare Cristo sette volte al giorno. Poi l’abbiamo addirittura santificato falsamente dicendo che, come figli fedeli della Chiesa cattolica, dovevamo agire così. Quello fu lo stadio successivo della schizofrenia spirituale. A causa della nostra unità con il Vaticano bergogliano, che gradualmente ha portato una maledizione, siamo diventati insensibili e ciechi senza rendercene conto. Ci siamo rifiutati di ammettere che Bergoglio, contrariamente alla legge di Dio, approva l’omosessualità e il transessualismo, che in Amoris laetitia annulla i comandamenti di Dio e i principi morali universalmente validi, che approva l’educazione sessuale dei bambini, raccomanda il cosiddetto “sesso senza rigidezza” per loro e alla fine li lascia segnati. Abbiamo accettato, passo dopo passo, questo processo distruttivo, finendo per diventarne complici e attirare su di noi una maledizione. Siamo stati dei cani stupidi perché non abbiamo tratto alcuna conseguenza adeguata da questo calpestio della legge di Dio. E anche quando la voce profetica dell’ex nunzio statunitense C. M. Viganò ha invitato chiaramente l’eretico e l’intera rete omosessuale a dimettersi, abbiamo comunque mantenuto un silenzio traditore. Con il nostro tacito consenso, abbiamo sostenuto l’eretico e non ci siamo uniti alla voce di Dio che chiedeva le dimissioni di Bergoglio. Quando il cardinale Müller ha chiaramente descritto il cammino sinodale come dottrinalmente incompetente e canonicamente illegittimo, non solo siamo rimasti in silenzio, ma abbiamo sostenuto questo cammino sinodale di apostasia nelle riunioni sinodali.

In questa grave situazione, quando è in gioco l’esistenza della Chiesa cattolica, chiediamo sinceramente a Dio la luce di un autentico pentimento affinché possiamo prendere coscienza dei nostri peccati, cioè del nostro tradimento di Cristo, del chiuderci gli occhi e orecchie alla verità, al nostro fariseismo, al liberalismo, al clericalismo, alla riprovevole negligenza del nostro dovere di lottare contro le eresie, alla nostra codardia, all’amore per il mondo e alla vanagloria. Ci è piaciuto lasciarci ingannare dal cosiddetto nuovo approccio dinamico al deposito della fede, dalle cosiddette nuove esigenze del tempo, dalla condonazione del peccato attraverso la falsa misericordia e dalla cosiddetta necessità di un approccio soggettivo. Non abbiamo voluto ascoltare la parola profetica, né attraverso le persone, né attraverso situazioni ammonitrici, né attraverso la voce della coscienza. Abbiamo soffocato e soppresso la nostra coscienza, immergendoci così nell’oscurità e non riuscendo a distinguere tra verità ed eresia, moralità e immoralità. Inoltre, abbiamo messo a tacere i profeti e la voce profetica nel nostro cuore per lasciarci guidare dai falsi profeti, dai teologi eretici, invece di proteggere il gregge da loro come dai lupi rapaci. Era assolutamente vero per noi che amavamo la gloria degli uomini più della gloria di Dio.

Lo confessiamo come il nostro peccato davanti a Te, Signore, e davanti alla Chiesa. Scopriamo con orrore che siamo stati coinvolti nella totale cecità spirituale, sordità e durezza di cuore. Non volevamo vedere, sentire o renderci conto che stavamo camminando lungo il cammino della perdizione. Continuavamo a ripeterci che non potevamo sbagliare quando obbedivamo al Santo Padre, anche se sapevamo che in questo modo stavamo obbedendo a Giuda e tradendo Cristo insieme a lui. Ora lo riconosciamo pubblicamente con pentimento.

Confessiamo anche il nostro peccato di aver obbligato le persone a vaccinarsi. Abbiamo contribuito ad esso, attivamente o passivamente. Abbiamo permesso a questo spirito di menzogna e di morte di agire nella nostra diocesi. Pertanto, siamo responsabili di molte tragiche conseguenze non solo per la salute e la vita umana, ma anche per le anime umane. Se continuassimo su questo cammino di unità con il Vaticano bergogliano, porteremmo quelle anime sotto il dominio dell’anticristo per farsi impiantare un chip e finire infine nello stagno di fuoco. Abbiamo mentito a noi stessi e agli altri dicendo che il cammino sinodale LGBTQ era qualcosa di completamente diverso da quello che è in realtà. Inoltre, il fatto stesso che la Germania e il Belgio continuino la loro apostasia ufficiale e noi, collegio apostolico, siamo rimasti in silenzio fino ad oggi, è un segno del nostro tradimento interiore. Sappiamo che il Vaticano di Bergoglio approva questi peccati che gridano al cielo, eppure non siamo stati in grado di alzare la voce in difesa della verità di Dio e condannare Bergoglio e la sua rete omosessuale criminale.

Vivevamo nella nostra realtà virtuale e conformiamo automaticamente la voce della verità a quelle dimensioni in cui Dio e la Sua Parola non vengono più presi sul serio. La cosa più importante per noi era mantenere l’immagine di un vescovo cattolico che è in unità con il cosiddetto santo padre. Ci siamo rifiutati di ammettere il fatto che egli si fosse già autoescluso dalla Chiesa incorrendo nell’anatema. Attraverso la nostra unità con lui, abbiamo lanciato questo anatema – maledizione – su di noi e sulle nostre diocesi. Se qualche sacerdote fedele a Cristo non avesse menzionato il nome dell’eretico durante la messa, lo avremmo scomunicato a sangue freddo. Ora ci rendiamo conto della mostruosità del nostro pensiero: eravamo capaci di tutto, anche di uccidere Cristo nelle anime dei suoi fedeli sacerdoti. Questo è un segno del nostro tradimento di Cristo e della nostra cecità spirituale. Al contrario, siamo stati obbligati dall’autorità di Cristo a vietare ai sacerdoti di menzionare nella messa il nome del papa illegittimo. Invece, stavamo organizzando uno spettacolo pubblico e vigilando attentamente affinché qualcuno dei preti non osasse pronunciare il nome di questo eretico durante la messa. Un tale sacerdote si libererebbe così dalla maledizione sotto la quale abbiamo tenuto l’intera diocesi attraverso la nostra pseudo obbedienza al cosiddetto santo padre. Sì, la maggior parte della colpa ricade su di noi per aver perpetuato la maledizione che grava ancora oggi sulla nostra diocesi. Siamo colpevoli di un cambiamento nel modo di pensare dei cattolici che non possono più chiamare peccato un peccato o perversione una perversione, tanto meno pentirsi veramente. Questo è il corpus delicti che ci condanna per abuso di autorità e crimini terribili contro Dio. Ora lo riconosciamo nella penitenza e ci pentiamo pubblicamente, perché il pentimento è l’unico cammino per la salvezza. Se ci indurissimo nella menzogna, saremmo corresponsabili del tradimento massiccio e dell’atroce suicidio del Corpo Mistico di Cristo.

Gridiamo con il profeta Daniele: “O Signore, Dio grande e terribile, … abbiamo peccato, abbiamo commesso colpe, siamo stati empi, ci siamo ribellati (essendo coinvolti nella ribellione sinodale LGBTQ) e ci siamo allontanati dai tuoi comandamenti e dai precetti (rispettando Bergoglio, il falso papa, che non solo trasgredisce, ma addirittura abolisce le leggi di Dio). Non abbiamo obbedito ai tuoi servi, i profeti, che hanno parlato in tuo nome. (Spesso erano sacerdoti coraggiosi o fedeli anonimi, che erano per noi una voce profetica e un rimprovero vivente.) … A noi è la vergogna sul volto, che avviene oggi per tutti gli uomini (tutti i vescovi cattolici). …Si è riversata su di noi la maledizione e l’imprecazione (a causa di un falso vangelo LGBTQ promosso dallo pseudo papa attraverso il cammino sinodale). … Ora ascolta, Dio nostro, la preghiera del tuo servo (di me, vescovo penitente) e le sue suppliche… Signore, perdona! Signore, opera e non indugiare! (cfr Dan 9,4 ss.).

Ora ci separiamo pubblicamente dalla setta bergogliana. Con questa separazione abbiamo eliminato la maledizione che gravava su di noi e sulle nostre diocesi.

Invitiamo i sacerdoti a smettere di menzionare nella messa il nome del pubblico eretico e ribelle contro Dio, Giuda e l’apostata Francesco, per non attirare nuovamente la maledizione su di loro e sui fedeli.

 

Vi chiediamo, cari fedeli, di recitare ogni giorno, se possibile, l’intero rosario di quindici decine, fino alla fine di ottobre. Questi giorni storici sono decisivi per il destino della Chiesa cattolica. È il periodo più drammatico di tutta la sua storia.

Preghiamo la Beata Vergine: O nostra cara Madre, schiaccia col tuo piede la testa del serpente infernale!

 

Il Collegio ortodosso dei vescovi penitenti della Chiesa cattolica chiede le vostre preghiere e vi justify la nostra benedizione.

 

29 luglio 2023

 

Scaricare: Il PCB: Vero pentimento dei vescovi cattolici (29/7/2023)

 

 

Back To Top